Naturalizzazione - Procedura ordinaria agevolata in ambito cantonale e comunale

Il diritto cantonale ticinese prevede alcune facilitazioni nella trattazione delle procedure di naturalizzazione ordinaria dei giovani. Le stesse sono riassunte nella Legge sulla cittadinanza ticinese e sull'attinenza comunale (LCCit) sotto il Capitolo II "Concessione della cittadinanza in via agevolata". Questa non è da confondere con la naturalizzazione agevolata federale, la quale si applica esclusivamente ai richiedenti stranieri che hanno sposato un cittadino (o una cittadina) svizzero.

Tasse e spese

  • Cantonale: CHF 450.-.
  • Federale: CHF 50.- o 100.-.
  • Comunale: di competenza comunale.

Beneficiari

Questa possibilità è data agli stranieri residenti ininterrottamente nel Cantone dalla nascita, che ne fanno richiesta fra il dodicesimo e il ventiduesimo anno di età.

Condizioni comunali di residenza

Il Comune di attinenza è quello in cui il richiedente ha risieduto ininterrottamente durante gli ultimi tre anni precedenti la domanda.

Autorità di concessione

La cittadinanza cantonale agevolata è concessa dal Consiglio di Stato, sia per il Comune che per il Cantone.

Tasse

Sia l'autorità comunale che quella cantonale preleva una tassa che copra le spese causate. Di conseguenza, la tassa è percepita anche qualora la procedura di naturalizzazione abbia un esito negativo.

A livello cantonale l'importo base previsto ammonta a CHF 450.-.

La determinazione dell'importo della tassa comunale è di competenza esclusiva dell'autorità locale.

Va aggiunta la tassa federale (CHF 50.-- o 100.-- per persona).

Ricorso contro eventuali decisioni negative

Contro le decisioni negative del Consiglio di Stato è dato ricorso al Tribunale Cantonale amministrativo.