Testi di riferimento

Un ricco dossier virtuale e cartaceo (1931-2004)

Nel 2004 i responsabili del Sistema bibliotecario ticinese (Sbt) hanno realizzato un dossier documentario dedicato all'emigrazione ticinese d'impronta prevalentemente storiografica. Frutto di ricerche incrociate, raccoglie una ricca serie di testi suddivisi per tema e contenuto. I volumi citati sono più di una trentina senza contare dizionari storici, saggi scientifici, epistolari, articoli di giornale e siti internet legati al tema. Tra quest'ultimi, molto interessanti il portale del Museo regionale delle Centovalli e del Pedemonte e quello della Valle di Blenio che presenta tre ritratti di altrettanti personaggi bleniesi. I testi cartacei inclusi nel dossier sono custoditi alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, una raccolta fondamentale dalla quale spiccano i nomi di Giorgio Cheda, considerato a più voci il massimo conoscitore e studioso della diaspora ticinese, Raffaello Ceschi e Piero Bianconi.

Giorgio Cheda - Figlio di un emigrante e massimo conoscitore della diaspora ticinese

Cheda in una foto recente (© Swissinfo).

Giorgio Cheda (1930)

di Maggia


Nato nel 1930 a Maggia, Giorgio Cheda è - con ogni probabilità - il maggior esperto di emigrazione ticinese, tema al quale è dedicato buona parte della sua vita e decine di opere. Già il padre, d'altro canto, era emigrato in California all'età di 19 anni e qui ha abitato per dieci anni, prima di tornare in Ticino e metter su famiglia. Dopo essersi laureato all'Università di Friburgo, Cheda ha iniziato a chinarsi sulla storia della sua valle con Per una storia della popolazione valmaggese (1800-1960), edito nel 1970. Un argomento che non poteva certo escludere un'ampia parte dedicata alla diaspora in Nord America e Australia, poi ampliata nel corso degli anni Settanta e Ottanta con la pubblicazione di L'emigrazione ticinese in Australia (1976) e L'emigrazione ticinese in California (1981), due opere magistrali che hanno portato lo storico a salvare, recuperare e catalogare migliaia di lettere spedite dagli emigranti ai loro familiari in Ticino. Un dittico obbligatorio per chiunque sia interessato alla storia della nostra diaspora e arricchito da una lunga serie di saggi, approfondimenti e introduzioni scritte nel corso degli anni che lo hanno eletto quale massimo conoscitore del fenomeno.

Per saperne di più:

Raffaello Ceschi - L'uomo che scrisse la storia del Cantone dal Cinquecento a oggi

Ceschi intervistato da Michele Fazioli a Controluce (© RSI).

Raffaello Ceschi (1936-2013)

di Bellinzona

Tra i più grandi storici e divulgatori che il Ticino abbia mai conosciuto, Raffaello Ceschi concentrò la propria carriera sull'Ottocento e sul Novecento del nostro Cantone, con importanti approfondimenti dedicati all'emigrazione verso Oltralpe e l'estero. Nacque nel 1936 a Bellinzona e, dopo la laurea e il dottorato all'Università di Berna, si trasferì in Ticino per insegnare a livello di scuola superiore, ma fu anche docente all'Università di Pavia. Autore di decine di pubblicazioni, fu direttore dell'Archivio di Stato e consulente scientifico per il Dizionario storico della Svizzera dal 1988 al 1998. Nel 2000 curò Storia della Svizzera italiana dal Cinquecento al Settecento, con importanti pagine dedicate alle migrazioni d'arte e ai migranti nelle città d'Italia; nello stesso anno ha pubblicato la Storia del Cantone Ticino suddivisa in due volumi - L’Ottocento e Il Novecento - rivolgendo la medesima attenzione alla nostra diaspora, dai grandi flussi oltreoceanici del XIX secolo in avanti.

Per saperne di più:

Piero Bianconi - Dalle lettere degli emigranti all'epopea di "Albero genealogico"

Bianconi in una foto d'archivio (© RSI).

Piero Bianconi (1899-1984)

di Mergoscia

Nato nel 1899 a Minusio, Piero Bianconi ha fondato la propria carriera letteraria sulla poliedricità e la versatilità, distinguendosi come traduttore, storico e indagatore del fenomeno dell'emigrazione. Si diplomò come maestro nel 1927 e ottenne la laurea a Friburgo qualche tempo più tardi, all'età di 36 anni. Dopo alcuni soggiorni in Italia e una breve esperienza come lettore universitario a Berna a metà degli anni Trenta, tornò in Ticino per insegnare alla scuola magistrale di Locarno. Fu in questo periodo che Bianconi avviò la sua ricca produzione letteraria con saggi dedicati ai grandi artisti del passato e all'arte ticinese, nonché traduzioni di importanti autori come Goethe, Diderot e Voltaire. Negli anni Cinquanta esordì anche in campo narrativo con Il cavallo Leopoldo (1951) e nel 1969 pubblicò Albero genealogico, che prende l'abbrivo dalle lettere di alcuni emigranti e si trasforma in un'epopea familiare. In breve, un'opera fondamentale per la comprensione del fenomeno della diaspora ticinese.

Per saperne di più:

Altri documenti di riferimento (2004-)

Dal 2004 in avanti sono stati scritti (o scovati) numerosi altri testi dedicati agli emigranti provenienti dal Canton Ticino. Clicca il box per scorrere la lista.

Altri documenti di riferimento (2004-)

  • Aa. Vv. "Partire per il mondo : emigranti ticinesi dalla metà dell'Ottocento". Castagnola: Associazione culturale Carlo Cattaneo, 2007.

  • Agliati, Carlo (a cura di). "Mastri d'arte del lago di Lugano alla corte dei Borboni di Spagna: il fondo dei Rabaglio di Gandria, sec. XVIII". Bellinzona: Edizioni dello Stato del Cantone Ticino, 2010.

  • Appolonia, Giorgio. "Domenico Reina - Biografia di un tenore luganese". Bellinzona: Casagrande, 1990.

  • Beletskaja, Elena e Sinaida Konstantinowna Pokrovskaja. "Domenico Gilardi". Montagnola : F. Riva, 1984.

  • Bernasconi, Florindo. "Le maestranze ticinesi nella storia dell'arte". Lugano: Arti grafiche già Veladini, 1926.

  • Bianconi, Piero. "La giovinezza di Gioacchino Respini". Locarno: Armando Dadò, 1975.

  • Brentani, Luigi. "Dizionario illustrato dei maestri d’arte ticinesi : compilato in base a nuovi ritrovamenti d’archivio". Lugano/Como: Ed. dell'autore, 1935.

  • Brentani, Luigi. "Antichi maestri d’arte e di scuola delle terre ticinesi : notizie e documenti". Como: Tip. E. Cavalleri, 1937-63.

  • Casari, Tarcisio. "Giocondo Albertolli: cronaca di una vita al servizio dell'arte". Bedano-Gravesano-Manno: Banca Raiffeisen, 1991.

  • Cavalli, Geo Flavio. "Ritorno dalla California". Locarno: Armando Dadò, 2010.

  • Caselli, Mario e Fulvio Mariani (un documentario di). "Hurricane: la Pompei degli scalpellini d'America". Formato VHS, 2004.

  • Cheda, Giorgio. "Aspetti dell'emigrazione ticinese in California". In: Auslandschweizer im 20. Jahrhundert. 2002. P. 277-298. (La versione digitalizzata dell'articolo è disponibile a questo indirizzo).

  • Cheda, Giorgio. "L'emigrazione ticinese in California: i ranceri". Pregassona: Fontana, 2005.

  • Cheda, Giorgio. "Tra i migranti di Cà e gli eredi di Râ". Pregassona: Fontana, 2007.

  • Chiesa, Francesco. "L’opera dei nostri artisti fuori del Ticino". Lugano: Grassi, 1928.

  • Contu, Martino. "L'emigrazione militare verso l'Uruguay di ex soldati degli Stati italiani, del Ticino e di altri Paesi europei nel 1851: il caso dei volontari ticinesi", in: Bollettino storico della Svizzera italiana, vol. 114 (2011), fascicolo 1, p. 31-51.

  • Crivelli, Aldo. "Artisti ticinesi nel mondo", 4 voll. Locarno: ed. Unione di banche svizzere, 1966-71.

  • Crivelli, Aldo. "Artisti ticinesi dal Baltico al Mar Nero : Svezia, Polonia, Cecoslovacchia, Austria, Jugoslavia, Ungheria, Romania, Turchia". Locarno: ed. Unione di banche svizzere, 1969.

  • Daguerre, Mercedes. "La costruzione di un mito. Ticinesi d'Argentina: committenza e architettura (1850-1940)". Mendrisio: Accademia d'Architettura, 1998.

  • Davine, Annamaria. "Neither here nor there : Italians and Swiss-Italians on the Walhalla goldfield 1865-1915". Macleod (Victoria). : Italian Australian Institute at La Trobe University, 2009.

  • De Bernardi, Natasha. "Silvio's Letters : letters written and received by Silvio Debernardi during the years of emigration to California (1891-1901) : lettere scritte e ricevute da Silvio Debernardi durante gli anni di emigrazione in California (1891-1901)". Autopubblicazione, 2011.

  • Della Torre, Stefano (a cura di). "Magistri d’Europa - Eventi, relazioni, strutture della migrazione di artisti e costruttori dai laghi lombardi: atti del convegno, Como 23-26 ottobre 1996". Como: Nodo Libri, 1997.

  • Dell'Acqua, Alberto. "Ticino foody: incontri storico-culinari tra Britannici e Ticinesi / British and Ticinese historic-culinary encounters". Pregassona: Fontana, 2004.

  • Dell'Acqua, Gian Alberto e Rossana Bossaglia (a cura di). "I maestri campionesi". Lugano: G. Casagrande, 1992.

  • Donati, Ugo. "Vagabondaggi : contributi alla storiografia artistica ticinese". Bellinzona: Salvioni, 1939.

  • Donati, Ugo. "Artisti ticinesi a Roma". Bellinzona : Istituto editoriale ticinese (A. Salvioni), 1942.

  • Donati, Ugo. "Carlo Maderno : architetto ticinese a Roma". Lugano : Banco di Roma per la Svizzera, 1957.

  • Donati, Ugo. "Artisti ticinesi a Venezia dal XV al XVIII secolo". Lugano : Banco di Roma per la Svizzera, 1961.

  • Fiscalini, Guido. "I Tondü di Lionza". Intragna: Museo regionale delle Centovalli e del Pedemonte, 1998.

  • Gentilli, Joseph. "The settlement of Swiss Ticino immigrants in Australia". Nedlands (Western Australia): Dept. of Geography, University of Western Australia. 1987.

  • Gervasoni, Clare. "Bullboar, macaroni & mineral water : Spa country's swiss italian story". Hepburn Springs: Hepburn Springs Swiss Italian Festa, 2007.

  • Grossi, Plinio. "Primi in luce". Faido: Cooperativa elettrica di Faido, 2007.

  • Jäggi, Urs. "Ticino: luci e ombre". Pregassona: Fontana edizioni, 1995.

  • Karpowicz, Mariusz. "Baldasar Fontana da Chiasso, 1661-1733 : la sua arte in Europa". Chiasso: Centro Culturale Chiasso, 2011.

  • Karpowicz, Mariusz. "Artisti ticinesi in Polonia nella prima metà del ’600". Lugano: Ticino Management : Edizioni Arte e storia, 2002.

  • Karpowicz, Mariusz. "Artisti ticinesi in Polonia nella prima metà del ’700". Bellinzona: Stato del Cantone del Ticino, 1999.

  • Karpowicz, Mariusz. "Artisti ticinesi in Polonia nel ’600". Bellinzona: Ed. Repubblica e Cantone del Ticino, 1987.

  • Karpowicz, Mariusz. "Artisti ticinesi in Polonia nel ’500". Bellinzona: Ed. Repubblica e Cantone del Ticino, 1987.

  • Lacchia, Tito. "I Fossati architetti del sultano di Turchia. Roma: Il giornale di politica e letteratura, 1943.

  • Lorenzetti, Luigi. Diversi saggi dedicati all'emigrazione ticinese e sudalpina, scritti tra il 1999 e il 2012 (qui l'elenco completo in PDF).

  • Maggi, Flavio. "Un medico ticinese alla corte di Hitler: Leonardo Conti (1900-1945)". Locarno: Armando Dadò, 1999.

  • Marcollo, Leo. "Brione s/Minusio attraverso i secoli: raccolta di documenti sugli aspetti storici e sulla vita del Comune", seconda edizione rivista e aggiornata. Losone: tipografia Poncioni, 2009.

  • Marti, Laurence. "Etrangers dans leur propre pays: l'immigration tessinoise dans le Jura bernois entre 1870 et 1970". Neuchâtel: Editions Alphil, 2005.

  • Martini, Luigi. "Cavergnesi in Australia". Cavergno: Comune di Cavergno, 2004.

  • Martinola, Giuseppe. "Lettere dai paesi transalpini degli artisti di Meride e dei villaggi vicini (XVII-XIX)". Bellinzona: ed. dello Stato, 1963.

  • Martinola, Giuseppe. "Le maestranze d’arte del Mendrisiotto in Italia nei secoli XVI-XVIII". Bellinzona: Edizioni dello Stato, 1964.

  • Martinola, Giuseppe. "I Gilardi a Mosca". Bellinzona : Edizione "La Scuola", 1944.

  • Meschini, Angela (un film di). "Piodascia: cronaca di una famiglia ticinese". Formato DVD, 2007.

  • Medici, Mario. "I Pozzi artisti di Castel S. Pietro". Bellinzona: Salvioni, 1946.

  • Molisi, Giorgio (a cura di). "Le Memorie inedite di Giocondo Albertolli". Lugano: Ticino Management, 2012.

  • Mondada, Giuseppe. "L’emigrazione verzaschese in Australia e nell’Africa del Sud". Locarno: Pedrazzini, 1970.

  • Mondada, Giuseppe. "Commerci e commercianti di Campo Valmaggia nel Settecento : dalle lettere dei Pedrazzini e di altri conterranei attivi in Germania e in Italia". Lugano: Edizioni del Cantonetto, 1978.

  • Monighetti, Catherine. "The Monighetti Diaries - An Australian view of Ticino in 1930". Versione digitale con fotografie e testi selezionati su Swissinfo.

  • Navone, Nicola. "Costruire per gli zar: architetti ticinesi in Russia, 1700-1850". Bellinzona: Casagrande, 2010.

  • Navone, Nicola. "Dalle rive della Neva : epistolari di tre famiglie di costruttori nella Russia degli zar". Mendrisio: Mendrisio Academy Press, 2009.

  • Navone, Nicola. "Architetti neoclassici italiani e ticinesi fra Neva e Moscova: i fondi grafici degli archivi Adamini e Gilardi". Mendrisio/Venezia: Archivio del moderno, Accademia di architettura, Università della Svizzera italiana/Fondazione Giorgio Cini, 2001.

  • Orelli, Chiara. "L'emigrazione e i mestieri", in: Bollettino storico della Svizzera italiana, volume 105 (2002), fascicolo 1, p. 211-221.

  • Pedrazzini, Giovanni. "Lettere di Giovanni Pedrazzini dall’America ai familiari". Locarno: Pedrazzini, 1973.

  • Pedrini Stanga, Lucia. "I Colomba di Arogno". Lugano : Fidia ed. d’arte, 1994.

  • Pfister, Max. "Repertorium der Tessiner Künstler : der vergessene grösste Kulturbeitrag der Schweiz an Europa". Thalwil : M. Pfister / Rapperswil (SG) : B. Anderes, 1994.

  • Piffaretti, Giovanni. "Le maestranze d’arte dei paesi della montagna Arzo-Besazio-Meride-Tremona : sec. XV-XVIII". Morbio Inferiore : Tip.-offset E. Grosa, 1986.

  • Pittoni, Leros. ""Francesco Borromini e i magistri ticinesi che hanno cambiato il volto di Roma: racconti storici". Muzzano: Gaggini-Bizzozero, 1997.

  • Pizzi, Laura. "Albertolli, Artari e altre maestranze ticinesi in Valle d’Aosta nei secoli XVIII e XIX". Aosta: Tipografia Valdostana, 2003.

  • Redaelli, Mario. "Lettere da San Pietroburgo e dintorni dei costruttori Adamini di Bigogno d’Agra, 1800-1863 : l’apporto di una colonia ticinese alla storia dell’architettura pietroburghese : epistolario inedito dall’archivio della famiglia Adamini di Bigogno d’Agra". Sorengo: [s. n.], 1997.

  • Redaelli Mario e Pia Todorovic Strähl (a cura di). "Montagnola San Pietroburgo : un epistolario della Collina d’Oro, 1845-1854". Montagnola : Ed. Le Richerche, 1998.

  • Robbiani, Dario. "Cìnkali : ci chiamavano Gastarbeiter, lavoratori ospiti, ma eravamo stranieri, anzi, cìnkali" (seconda edizione). Zurigo: L'Avvenire dei lavoratori, 2006.

  • Robbiani, Domenico. "Maestranze di Genestrerio "via per il mondo"". Locarno : Pedrazzini, 1967.

  • Rusconi, Giacomo. "Lettere dall'America (1867-1874)". Balerna: Ulivo, 2008.

  • Sabau, Nicolae. "Maestri ticinesi in Transilvania tra Cinquecento e Settecento". Cluj-Napoca : Mega, 2007.

  • Sugranyes, Silvia. "Vigilio e Pietro Rabaglio architetti e stuccatori di Gandria in terra di Spagna (XVIII secolo): nuove prospettive di ricerca dai documenti ticinesi dell'Archivio di Stato del Cantone Ticino", in: Bollettino storico della Svizzera italiana, volume 105 (2002), fascicolo 2, p. 455-466.

  • Tedeschi, Letizia e Nicola Navone (a cura di). "Dal mito al progetto : la cultura architettonica dei maestri italiani e ticinesi nella Russia neoclassica". Mendrisio : Accademia di architettura, 2003.